domenica 20 febbraio 2011

Galatobureko per una giornata uggiosa

Buon pomeriggio cari lettori della domenica!
Il sole primaverile di ieri è già un bel ricordo che ha lasciato spazio a una giornata uggiosa.
E proprio sulle note di "Una giornata uggiosa" di Battisti, in versione rivisitata dalla Bandabardò, vi vado a raccontare come ho preparato il Galatobureko, un dolce greco, leggermente modificato.

GALATOBUREKO RIVISITATO

Ingredienti:
150 g. di burro
150 g. di zucchero bianco
3 uova
70 g. di semolino
80 g. di mandorle in polvere
il succo di 2 arance + la scorza grattugiata

Per lo sciroppo:
50 ml. di acqua
125 g. di zucchero di canna
un pizzico di cannella
il succo di un limone + la scorza


Procedimento:
Sbattete il burro ammorbidito in una terrina con lo zucchero fino a ottenere un composto leggero e spumoso. Aggiungete i tuorli, il semolino, le mandorle in polvere, la scorza e il succo d'arancia e mescolate bene.
Montate gli albumi a neve ferma e incorporateli delicatamente al composto. Versate in una tortiera e infornate a 180° per un'oretta, finché la superificie non sarà ben dorata.
Per lo sciroppo, in un tegamino fate sciogliere lo zucchero di canna con l'acqua e la cannella, mescolando finché lo zucchero non sarà sciolto. Fate bollire il caramello per 4 minuti, fiché sarà scuro e denso. A questo punto togliete dal fuoco e aggiungete il succo e la scorza del limone e cospargetelo sulla torta ancora calda precedentemente bucherellata con uno stecchino. Lasciate raffreddare e servite.


La ricetta originale prevederebbe una base di pasta fillo che contenga la torta a mo' di scrigno, io ho deciso di non metterla, anche se adoro la pasta fillo!
Bon appétit!!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...