sabato 9 luglio 2011

Crostata crema e pesche

Buon weekend cari lettori accaldati!
Non so dalle vostre parti, ma qui è arrivato il caldo africano, quello che fa sudare anche stando fermi, stesi sul divano con le gambe all'insù per far salire la pressione... e che fa passare la voglia di cucinare piatti caldi lasciando il posto a bevande ghiacciate, insalate di tutti i colori e sapori. Tutto pur di non accendere il forno.
Ma non è il mio caso! Ieri pomeriggio, con 35° e un tasso di umidità amazzonico, ho preparato una crostata per il compleanno di mio suocero (non sono sposata, ma per comodità parlo di suoceri!). Naturalmente preparare la pasta frolla è stata un'impresa, il burro sudava solo a guardarlo e la consistenza dell'impasto è rimasta molliccia nonostante l'abbia tenuto in freezer per una mezz'oretta (alla faccia dell'abbattitore), ma il risultato finale ha lasciato diversi palati più che soddisfatti.
Vi racconto subito come ho speso il mio pomeriggio!

CROSTATA CON CREMA MOUSSELINE E PESCHE

Ingredienti:
crema mousseline
250 g. di farina 00
120 g. di burro a tochetti
110 g. di zucchero semolato
un pizzico di sale
1 uovo + 1 tuorlo
la scorza grattugiata di un limone
4 pesche noci gialle
zucchero a velo per rifinire

Procedimento:
Preparate la crema mousseline e fatela freddare in frigo per un'oretta.
Nel frattempo preparate la frolla impastando tutti gli ingredienti, poi fatela riposare al fresco per almeno mezz'ora. In seguito stendetela con il matterello fino a ottenere lo spessore di mezzo centimetro, ritagliate un disco di 26 cm., adagiatela su una tortiera e tagliate delle strisce di pasta per fare i bordi della crostata. Coprite con carta da forno e fagioli secchi e cuocete in forno a 180° per 20 minuti, di cui gli ultimi 5 senza carta né fagioli.
Una volta fredda, sformate, ponete in un piatto tondo e riempite con la crema fino a formare uno strato uniforme. Decorate con le pesche noci tagliate a fettine e da ultimo spolverate con zucchero a velo per "lucidarle" e addolcirle (qualora fossero un po' asprigne come le mie). Conservate in frigo fino al momento di servire.



Davvero una bella cena, serena e gustosissima (anche il bbq di Paolo è stato notevole), conclusa proprio dignitosamente!
Bon appétit!!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...