domenica 6 novembre 2011

Crostata di grano saraceno con mele e miele

Ben ritrovati!
Sì, lo so, molti di voi si sono chiesti se per caso non sia stata risucchiata da un buco nero. Nell'ultimo post vi ho lasciati preannunciando la mia breve vacanza a Palermo, in occasione del ponte festivo. Ed è andata davvero molto bene, la città ci è piaciuta, per i suoi monumenti incantevoli, per l'accoglienza calorosa delle persone e anche per il cibo strepitoso. Davvero non avrei mai smesso di mangiare, considerato il fatto che camminavamo almeno 8 km. al giorno!
Il problema è stato il rientro a casa che ha portato con sé uno tsunami di lavoro e impegni che mi hanno provocato grande stress e stanchezza. Lo scotto da pagare dopo tanto sollazzo, che ci volete fare!
Beh, non voglio certo continuare a farvi un'inutile e tediosa lista di lamentele, che questa peraltro non è neanche la sede più adatta. Dunque mi dirigo subito verso la mia adorata cucina e vi racconto subito la ricetta di un dolce molto rustico e autunnale cucinato in un ritaglio di tempo l'altra sera, in un accesso di gola pelosa.

CROSTATA DI GRANO SARACENO CON MELE E MIELE

Ingredienti:
Pasta frolla:
200 g. di farina di grano saraceno
50 g. di farina 00
120 g. di burro
120 g. di zucchero
le zeste di un limone
1 uovo + 1 tuorlo


Per il ripieno:
3 mele golden
il succo di un limone
1 cucchiaio di miele di castagno
marmellata di albicocche

Procedimento:
Impastate gli ingredienti per la pasta frolla, poi fate riposare in frigo per almeno una mezz'ora.
Nel frattempo sbucciate le mele, privatele del torsolo e tagliatele a dadini. In una casseruola versate il succo di limone e il cucchiaio di miele, poi unitevi i dadini di mele e fate cuocere per una decina di minuti.
Stendete la frolla non troppo sottile, disponetela in una tortiera tonda, spalmatevi sopra  un velo di marmellata di albicocche e disponetevi i dadini di mele. Con gli avanzi di frolla formate delle striscoline con cui rinire la crostata. Infornate a 180° per una mezz'oretta.


Davvero buona, con il suo connubio di grano saraceno e miele di castagno.
Ma prima del consueto congedo, vi lascio un'immagine significativa di Palermo:

Da Piddu Messina si mangia il miglior panino con la milza - una vera scoperta da cui non mi aspettavo niente - di tutta Palermo!
Bon appétit!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...